Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
31 maggio 2012 4 31 /05 /maggio /2012 15:38

 

Molti applausi e consensi per 'IL GRANDE CAOS' lo spettacolo messo in scena dai giovani attori del Laboratorio Teatrale affidato alla prof.ssa D'Andria.

Un successo decretato dagli stessi protagonisti, che hanno voluto proporre le loro riflessioni al termine di un percorso che li ha visti impegnati per un intero anno scolastico.

Il laboratorio di teatro è stata un’esperienza intensa. Abbiamo creato una storia, partendo dalle nostre idee: non è stato facile ma molto divertente. Durante quest’anno ho imparato a modulare la voce e migliorare la postura, oltre ad aver imparato a recitare poiché abbiamo fatto molti esercizi e ci siamo immedesimati in parecchi personaggi. Molte volte abbiamo ripetuto le diverse scene, e anche se a volte è stato noioso, ci è servito per fare uno spettacolo bello. Quest’esperienza mi è piaciuta molto.

Alice Esposti 1°F

 

Per me il laboratorio è stato molto bello perché ci ha coinvolti tanto. Lo spettacolo è stato inventato da noi con le nostre idee. Durante l’anno Francesca (la regista) ci ha aiutati a controllare la voce.

Sirine Tissaoui 1°F

 

 

Il laboratorio teatrale, pur essendo molto faticoso, mi ha fatto divertire molto ed è stata un’esperienza da non dimenticare!! Grazie al teatro di Vedano ho potuto recitare su un palcoscenico. Ringrazio le mie professoresse: Camilla D’Andria e Silvia Cremoncini, ma anche la regista Francesca, che mi hanno insegnato a recitare.

Alexandra Di Francesco 1°F

 

 

E’ stato faticoso preparare lo spettacolo, ma alla fine ce l’abbiamo fatta!!

Abbiamo provato tanto, ma il risultato finale è stato grandioso!

Grazie allo spettacolo sono diventata meno timida.

E’ un’esperienza che vorrei ripetere!!

Alice Ravesi 1°F 

 

 

Quest’esperienza di teatro mi è piaciuta molto perché ho conosciuto nuovi amici.

E’ stata un’esperienza molto faticosa perché bisognava studiare una parte e stare diverse ore a provare perché lo spettacolo venisse al meglio.

Alla fine lo spettacolo è riuscito molto bene, con la nostra felicità ad anche quella del pubblico.

Melany Ascorbe

 

 

“Mi è piaciuto molto preparare lo spettacolo, è stato molto bello, e anche i costumi e le parti.

Il teatro che ci hanno prestato era un po’ piccolo, ma era meglio di niente.

Le prof. erano molto brave a fare teatro; anche l’anno prossimo farò teatro perché mi è piaciuto.”

Giulia

 

 

“Partecipare al laboratorio teatrale a me è piaciuto molto perché si riesce ad esprimersi e liberarsi. Recitare è anche divertente, soprattutto davanti al pubblico. È stata un’esperienza indimenticabile, inventare noi una storia, con le nostre idee e i nostri interventi. Questo è stato possibile grazie alle nostre prof e a Francesca. Grazie!”

Margherita

 

 

“Il laboratorio che ho fatto quest’anno mi è piaciuto molto ed è stato fortissimo, soprattutto perché ho imparato cose nuove, molto divertenti e simpatiche. Ero spaventato per lo spettacolo, però è andato bene, infatti i prof presenti allo spettacolo, il giorno dopo, si sono congratulati con noi e hanno detto che siamo stati bravi. Ringrazio le prof. D’Andria, Cremoncini e Francesca, per avermi fatto trascorrere un bel laboratorio.”

Giorgio

 

 

“Quest’esperienza mi ha aiutata a crescere; sinceramente il perché non lo so, forse per i nuovi amici, per le prof o per l’espressività. L’unica cosa che so è che il teatro aveva, e ha tuttora, qualcosa di magico!

Cordiali saluti a Francesca, alla prof. D’Andria e alla prof. Cremoncini.

P.S. Pretendiamo l’Oscar! ”

Augusta Mandelli

 

 

 

Repost 0
Published by fermiblog.over-blog.it - in Eventi
scrivi un commento
31 maggio 2012 4 31 /05 /maggio /2012 15:34

Il 29 marzo e il 19 aprile ci siamo recati nelle classi 5°B e 5°D della scuola Oggioni per presentare il nostro laboratorio ai ragazzi di quinta. Per prima cosa abbiamo presentato le attività che vengono svolte a giornalino e  com’è strutturato il nostro blog. Dopo una breve spiegazione siamo passati al divertimento...

Per iniziare abbiamo diviso la classe in cinque gruppi formati da quattro bambini e per ognuno di questi abbiamo scelto un componente disposto a travestirsi, dopodiché abbiamo aiutato i bambini a stendere alcune domande che essi dovevano utilizzare per un ‘ intervista ai personaggi. In seguito ogni gruppo si è diviso i ruoli; due ragazzi intervistavano il compagno e l’altro riprendeva la conversazione. I ragazzi si sono divertiti soprattutto durante l’intervista alle loro insegnanti, dalle domande riguardo i suoi studi alle domande più personali

E’ stata una bella esperienza che ci piacerebbe rivivere, ci è piaciuto soprattutto stare a contatto con i bambini è stato come ritornare piccoli !

Federica Ballanti, Federica Cazzaniga 3°A & Sofia Beretta 3°C

Immagine1

Immagine2.gif

Immagine3.gif

Immagine4.gif

Immagine5.gif

 

  

 

Repost 0
Published by fermiblog.over-blog.it - in Eventi
scrivi un commento
13 marzo 2012 2 13 /03 /marzo /2012 12:58
Judo con “speranza”: nulla è impossibile!
Noi alunni della 2D, durante il mese di febbraio, abbiamo avuto l’onore di vivere un’esperienza unica con delle persone diversamente abili.
Abbiamo partecipato a due incontri che ci hanno permesso di migliorare il nostro comportamento, praticando judo, con delle ragazze e dei ragazzi speciali.
All’inizio eravamo scettici sul fatto che delle persone disabili fossero capaci di insegnarci questa disciplina sportiva, invece ci hanno fatto imparare che, pur essendoci ostacoli nella vita, è importante affrontarli e cercare di superarli.
Ci ha colpito molto la determinazione con cui hanno svolto questa attività, che presenta complicate tecniche di judo, abbinate a parole giapponesi impronunciabili.
Mercoledì 1 febbraio siamo scesi in palestra e con Andrea, l’insegnante di judo, e i suoi ragazzi abbiamo iniziato questa esperienza che ha prodotto in noi un cambiamento.
Dopo qualche giorno, il 2 marzo, ci hanno invitati ad andare a trovarli nella loro sede ‘‘Amici della Speranza” presso l’Astrolabio a Villasanta.
Qui abbiamo rivissuto la magnifica esperienza di quelle ore passate insieme, infatti, durante le ‘‘lezioni” ci sono state scattate molte fotografie.
Dopo, rivedendole, ci siamo accorti di quanto eravamo buffi, a volte impacciati e timorosi.
Per concludere in allegria, ci siamo “ingozzati” dei fantastici biscotti che avevano preparato proprio per noi…
Siamo felici, non solo di aver potuto mangiare i biscotti, ma anche di aver vissuto questa  esperienza molto educativa, insieme all’ associazione ‘‘Amici della Speranza”.
E volete vederci all’opra, guardate la presentazione dell’esperienza che è inserita nel blog della nostra scuola.
Un gran saluto dalla 2D e ricordatevi: nulla è impossibile!
 
   



Repost 0
Published by fermiblog.over-blog.it - in Eventi
scrivi un commento
23 febbraio 2012 4 23 /02 /febbraio /2012 15:47

I


RAGAZZI DELLE QUINTE ACCOLGONO I LORO PICCOLI AMICI DI PRIMA ALL'INIZIO DELL'ANNO SCOLASTICO.
Repost 0
Published by fermiblog.over-blog.it - in Eventi
scrivi un commento
17 dicembre 2011 6 17 /12 /dicembre /2011 17:44

Taglia_6.jpgTaglia-copia-1.jpg

Quella del 9 Novembre 2011 è stata una serata bella, anzi bellissima e a noi è piaciuta tanto, sicuramente è stata una serata indimenticabile.

In  Villa Camperio, a Villasanta, si è tenuta la presentazione della seconda edizione  del progetto Spazio allo Spazio. Appena entrati siamo rimasti stupiti nel vedere le personalità importanti presenti  in sala;  oltre alla nostra Preside, la dottoressa Rosalia Natalizi Baldi, vi erano il Sindaco, signor Emilio Merlo; l’assessore all’Istruzione del Comune di Villasanta, signor Massimo Casiraghi; il professor Cosimo Scaglione,  dell’Ufficio Scolastico provinciale di Monza e Brianza; la dottoressa Sophie Stallini dell’ambasciata francese; il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico di Milano, signor Ivan Borserini; l’atleta paralimpica Torino 2006, Silvia Parente e la dottoressa Lavagna, docente di ingegneria aerospaziale al Politecnico di Milano. E’ stata una serata molto emozionante, ci siamo sentiti parte di un evento importante perché tramite il web  hanno guardato la nostra presentazione molte persone, tra queste c'erano anche alcuni tecnici della Nasa e gli ambasciatori italiani a Tolosa e a Colonia.

  

Taglia 2

L’intervento di tutte queste personalità ha permesso di illustrare meglio le finalità del progetto e la sua importanza  a livello educativo. Infatti avremo modo di incontrare personalità del mondo scientifico e tecnologico che ci parleranno di astronomia e di tecnologie spaziali, ma il progetto ha anche un taglio particolare: ci permetterà di conoscere anche i problemi che i cosmonauti devono affrontare sulla I.S.S, la Stazione Spaziale Internazionale: un astronauta nello spazio, essendo in un luogo senza gravità, fatica a muoversi perché il corpo tende a galleggiare ed è necessario attaccarsi alle apposite maniglie, quasi fosse disabile; allo stesso modo una persona non vedente, in azioni quotidiane, ha bisogno di appoggi per spostarsi.

Taglia_7.jpg

 Ciò ci fa capire che il concetto di disabilità è relativo alle circostanze in cui ci troviamo.

La serata è cominciata non appena tutti si sono accomodati ed è stato fatto silenzio totale. Il professor Meroni ha impugnato il microfono ed ha cominciato  ad introdurre la serata. Alcuni di noi, Giulia, Samuel, Radu, Francesca e Sabrina hanno letto in italiano, in inglese ed in francese un discorso di benvenuto. Sono stati i primi ad intervenire, è stato per loro una grande emozione leggere davanti a così tanta gente, però se la sono cavata alla grande.

Taglia_4.jpg

Significativa è stata la presenza degli ex alunni di 3^D e 3^F che lo scorso anno sono stati i protagonisti del progetto “Spazio allo Spazio”. Erano entusiasti nel raccontare la loro esperienza che hanno documentato con un filmato. Nel racconto dei “vecchi” astronauti traspariva ancora forte la felicità di avere partecipato a momenti entusiasmanti e coinvolgenti. Simbolicamente ci hanno consegnato il testimone per la prosecuzione del progetto e ciò ha ufficialmente dato il via al nostro “viaggio ”che avrà una durata biennale. Speriamo di poter diventare anche noi alla fine del percorso una 3^ A orgogliosa di ciò che avrà vissuto.

La testimonianza che ci ha particolarmente colpito è stata quella di Silvia Parente, atleta non vedente, medaglia d’oro di slalom gigante alle olimpiadi paralimpiche 2006 di Torino. Ci ha mostrato il video della sua discesa vittoriosa. 

E’ impressionante pensare che una persona possa sciare a una velocità così elevata, a 60-80 KM all’ora, senza vedere assolutamente nulla; è altrettanto incredibile il rapporto di  fiducia tra Silvia e la sua guida sportiva che, sciando davanti a lei, le indicava il percorso da percorrere urlando continuamente perché Silvia potesse seguire la sua voce, sparata verso di lei da un amplificatore che la guida aveva sulla schiena. 

Taglia_3.jpg

 Se soltanto la guida fosse caduta, lei non avrebbe saputo più  dove andare.

Siamo rimasti stupiti per la sua bravura e la sua abilità nello sciare ma, soprattutto per la forza di volontà e la determinazione di questa ragazza.

Silvia ci ha spiegato anche che, nella vita quotidiana, è completamente indipendente, ad esempio prende i mezzi di trasporto pubblico da sola per recarsi sul posto di lavoro.

E’ certamente una persona molto forte d'animo e ciò che stupisce positivamente è vederla soddisfatta della sua vita. Secondo noi  Silvia è un esempio da seguire e ci fa capire che non bisogna mai arrendersi alle difficoltà.

Durante la serata si è parlato anche di navicelle spaziali, di stazioni orbitanti, di Laika, la cagnolina di razza bastardina, primo essere vivente ad essere spedito nello  spazio, di Yuri Gagarin e dello Sputnik, rispettivamente il primo astronauta e la sua astronave a compiere un’ orbita intorno alla Terra.  Ce ne ha parlato la prof.ssa Lavagna, docente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Ella ha saputo esporre benissimo la storia umana della corsa allo spazio e il programma spaziale “COSTELLATION” che verrà completato nel 2030, anno in cui, secondo un ambizioso progetto, su Marte si dovrebbe iniziare a creare una colonia umana.

 

 

Pendevamo dalle sue labbra quando ci ha spiegato il meccanismo di costruzione della stazione spaziale internazionale, la I.S.S., che garantisce la presenza permanente dell'uomo nello spazio.

Tale stazione si estende su un'area di dimensioni simili ad un campo da calcio e dal momento che non esistono razzi potenti per lanciare in orbita una così grande struttura, proprio come un puzzle è stata assemblata nello spazio a 400 chilometri di altezza dalla superficie terrestre. Un altro aspetto interessante è stato scoprire lo stile di vita a bordo della stazione spaziale, vista l'assenza di peso ei il fluttuare dei corpi.

 

Al termine della presentazione ci hanno consegnato un kit per meglio seguire il progetto. Il kit contiene:  il cappellino e due DVD dell’ E.S.A., un libro sullo Spazio e un raccoglitore contenente informazioni riguardanti l’International Space Station. Taglia_5.jpg

 

Questo progetto ci permetterà di incontrare e conoscere fisici, astronomi , chimici e ingegneri che ci forniranno informazioni utili anche per la nostra cultura personale; sarà certamente un modo per affrontare argomenti difficili in modo divertente. Forse grazie a queste conoscenze potremo costruire un sapere che durerà  per tutta la nostra vita.

 

Gli alunni di 2^A

Repost 0
Published by fermiblog.over-blog.it - in Eventi
scrivi un commento

Présentation

  • : Blog di fermiblog.over-blog.it
  • : Blog del laboratorio di giornalino della scuola Fermi-Oggioni di Villasanta.
  • Contatti

video

Recherche

Archivi

Pagine

Liens